Nome

CALAMARO

Loligo vulgaris

Descrizione

Mollusco cefalopode, dal corpo lungo e snello dalle carni di ottima qualità e molto apprezzate.

calamaro

Caratteristiche

Trattasi di un cefalopode, dal corpo allungato, tubulare, con presenza di due pinne laminari collocate sui due terzi posteriori del corpo; la testa presenta otto braccia corte dotate da due file di ventose e due tentacoli più lunghi retrattili (clave) dotate di 4 file di ventose nell’estremità della clava, di cui le due file centrali risultano più grosse delle altre. Raggiunge la lunghezza massima di 42 cm, reperibile sempre in commercio a partire da pezzature di ca. 100 g, generalmente è presente con la pelle, che conferisce una colorazione violastra. Viene commercializzato fresco oppure congelato, le carni sono di ottima qualità e si prestano a diverse preparazioni. Da non confondere con il totano, la differenza, oltre all’aspetto esterno, in particolare nelle pinne, anche dalla conchiglia interna che è a forma di piuma.

 

 

Diffusione

È una specie comune nel Mediterraneo e anche in Atlantico; la sua pesca è ad amo oppure con reti.

calamaro2
Foto tratta da fishbase